L’ASSOCIAZIONE “HOMO VIATOR. PER L’UMANITÀ IN CRESCITA”

1. PRESENTAZIONE

Se da un lato la società odierna ha fatto passi significativi nella direzione di una crescita della qualità della vita, dall’altro essa sperimenta il proprio limite davanti al permanere e, talora, all’incrementarsi di situazioni di emarginazione culturale e di povertà morale, sempre più causate dalla carenza di beni relazionali. Numerose indagini sociali e fatti di cronaca lo testimoniano.

È un fatto ormai assodato che una società sviluppi le proprie potenzialità umane e di civiltà solo grazie ad una formazione attenta e permanente dei propri cittadini. Oggi, in Italia e, particolarmente, in Emilia-Romagna, si riscontra un innalzamento della conoscenza del delicato e complesso mondo dell’educazione e sono a disposizione validi strumenti pedagogici dei quali i cittadini possono avvalersi. Al contempo, però, anche nella nostra regione viene segnalata da più parti la difficoltà di far giungere la persona alla piena maturità umana e si sperimenta il limite su menzionato.

La consapevolezza delle problematiche legate allo sviluppo integrale della persona ci hanno spinto alla costituzione dell’Associazione “Homo Viator. Per l’umanità in crescita”, con l’intento di contribuire all’impresa educativa, un compito che riguarda ogni cittadino. Pertanto, l’Associazione Homo Viator è stata costituita con lo scopo di prestare un servizio nell’ambito educativo.

L’Associazione vuole rivolgere le proprie attività a tutte le fasce d’età, perché concepisce l’uomo come soggetto chiamato ad un cammino di crescita verso l’autenticità; cammino che impegna la persona nell’arco dell’intera vita. I soci mettono a disposizione il proprio tempo e la propria competenza per collaborare con i genitori, gli insegnanti, le istituzioni pubbliche e private che prestano abitualmente il loro servizio in ambito educativo nei molteplici settori dello sviluppo umano: culturale, sportivo, ricreativo, sanitario, spirituale, ecc..

Le linee operative che l’Associazione assume si fondano sostanzialmente su due convinzioni. La prima è dettata dalla consapevolezza che l’educazione si trasmette innanzitutto attraverso l’esempio e la condivisione della vita con coloro che sono soggetti-oggetti dell’azione educativa e, in secondo luogo – ma non per questo di minor importanza –, con l’insegnamento. La seconda convinzione riguarda la visione dell’uomo, concepito come mistero vocato nella libertà a porsi in relazione con gli altri e a realizzare la propria capacità creativa nel dono di sé.

Perciò, è ritenuta indispensabile la cura del mondo delle relazioni interpersonali, sia tra i membri dell’Associazione che tra costoro e i soggetti-oggetti di tale azione. Per questo il servizio educativo viene prestato in forma interattiva, in un cammino che mira al riconoscimento della persona quale valore e alla liberazione della ricchezza umana del singolo, attraverso la responsabile scelta dei valori. Un itinerario di crescita integrale della persona che passa dall’incontro con l’altro e che si compie nel raggiungimento della capacità di fare stabilmente e liberamente dono di sè. Un’azione pedagogica ed andragogica fondata sulla condivisione.

Accanto alla dimensione relazionale, vi è quella del concreto aiuto che l’Associazione si prefigge di offrire a persone, associazioni o enti che promuovono iniziative volte all’educazione integrale dell’uomo, che anche la società, in linea di principio, riconosce. L’aiuto può essere di tipo materiale, economico e organizzativo, ma anche di animazione e di formazione intellettuale. Per tali scopi l’Associazione può avvalersi di collaboratori ed esperti nel campo psico-pedagogico, legale, amministrativo, sanitario, ecc.

2. AMBITO DI INTERVENTO

A partire da queste premesse, concretamente l’Associazione affianca l’Ente Provincia Bolognese dei Frati Minori Conventuali nello sviluppo delle attività svolte in ambito educativo e di formazione dei ragazzi, dei giovani, degli adulti, delle famiglie e degli anziani.

In particolare, sono stati individuati fino ad ora alcuni ambiti di intervento in cui l’Associazione, attraverso i suoi membri, si è impegnata ad operare con aiuti concreti, idee, progetti:

Area Infanzia:

  • Il progetto diReamici: attività di doposcuola per bambini delle scuole elementari; obiettivo del progetto è favorire il sostegno nei compiti ai bambini e la loro crescita nella capacità di relazione sociale. Infatti nel nostro paese, la carenza di beni relazionali vissuta nel mondo degli adulti e delle famiglie segna negativamente lo sviluppo di minori, tra i quali crescono le difficoltà e le forme di disagio di varia natura.
  • Il Centro Estivo: a partire dall’esperienza del doposcuola diReamici si è pensato di continuare l’accoglienza dei minori nel periodo delle vacanze, garantendo non solo l’esecuzione dei compiti, ma anche la possibilità di realizzare momenti ludici, di divertimento e di laboratorio tali da aiutare i fanciulli a divertirsi e a crescere insieme.

Area preadolescenti:

  • Il progetto doposcuola medie: si tratta di un’attività di recente realizzazione che permette ai ragazzi delle scuole medie di affrontare i compiti e lo studio insieme. Oltre a questo obiettivo, ci si è posti anche quello di aiutare i preadolescenti a crescere insieme, cercando di motivare le loro scelte e di poter dialogare per prevenire fenomeni di esclusione, sbeffeggio e derisione.

Area adolescenza/giovani:

  • Il progetto Forza Venite Gente: un gruppo di volontari ed educatori collabora per rispondere alle esigenze dei ragazzi di divertirsi e stare insieme in modo “sano”, portando avanti l’animazione dei ragazzi e dei giovani, attraverso alcune attività di gioco e divertimento, di cineforum e di musica, di riflessione e di festa. Viene utilizzata un’ampia sala allestita per creare uno spazio per i giovani, con un angolo per lo studio, una zona per il gioco, un’area per la proiezione video e la musica
  • Settimane per ragazzi e giovani: ha avuto particolare rilievo lo svolgimento nel periodo estivo, di settimane per ragazzi e giovani, di aggregazione, condivisione, gioco, servizio e spiritualità, vissute al Villaggio S.Francesco a Badia Prataglia (Ar).
  • Settimane residenziali organizzate a Longiano: durante queste settimane i giovani continuano le loro attività scolastiche o lavorative ed hanno la possibilità di condividere un periodo di vita fraterna, per sperimentare il dialogo, il confronto, il servizio reciproco, la preghiera insieme e riflettere sulle dinamiche relazionali aiutati dagli educatori.

Area famiglia:

  • Attività educative, formative e di servizio: per favorire lo sviluppo dell’essere umano nella sua completa totale integrità sono state promosse attività educative e di formazione mirate a giovani sposi, a genitori e figli, anche con l’ausilio di professionisti nel campo psico-pedagogico. Al Villaggio S.Francesco da tre anni alcuni membri sono coinvolti nell’organizzazione di due settimane estive per famiglie vissute in forma seminariale e distensiva. Consapevoli delle molteplici difficoltà incontrate dalle famiglie nella dimensione socio-educativa, per offrire un valido aiuto, alcuni membri dell’associazione frequentano corsi di approfondimento sulle tematiche della coppia e della famiglia.

Alcune attività particolari:

  • Villaggio San Francesco: qui alcuni membri hanno affiancato i frati nella vita ordinaria, improntata all’accoglienza di gruppi di ragazzi, giovani, famiglie e anziani.
  • Mostra-mercato missionaria: l’associazione aderisce all’attività di allestimento e conduzione delle “mostre missionarie”, aperte ogni anno nel periodo natalizio e nella seconda metà di luglio presso il Convento dei frati francescani di Longiano. Il ricavato è devoluto a sostegno delle popolazioni più povere.

Formazione:

  • In questi anni la formazione degli associati è stata promossa attraverso numerosi incontri che hanno coinvolto gli associati e, in alcune occasioni, la cittadinanza. Sono stati trattati temi concernenti il volontariato, la società, la famiglia, gli adolescenti e l’infanzia.

La nostra associazione non può contare su risorse economiche rilevanti, ma è forte di uno spirito fraterno che anima  i suoi membri. In buona sostanza questo è il motore delle svariate attività in cui essa è impegnata e, al contempo, è la ragione ultima della sua azione. Per questo coltiviamo il “sogno” di contribuire alla ricostruzione di una rete sociale di relazioni, improntate alla gratuità e vissute secondo uno spirito di fraternità che, nel promuovere la reciprocità, esalta la dignità personale.